Cosa è e come leggere l’INCI?

INCI (International Nomenclature Cosmetic Ingredients)

Dal 1997, in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea,  i produttori di cosmetici sono obbligati per legge a pubblicare sull’etichetta del prodotto l’elenco delle sostanze impiegate nella formulazione del cosmetico. Questo elenco prende il nome di INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients).

L’INCI permette alle persone allergiche di identificare facilmente all’interno del prodotto, e prima del suo impiego, la presenza di eventuali sostanze alle quali sono allergici.
A difesa del consumatore, l’INCI contiene anche numerose altre informazioni.

rosa centifolia
la rosa antica da sciroppo nell’inci si chiama: rosa centifolia, in alternativa potete trovare la rosa di damasco, molto pregiata, che si chiama: rosa damascena

la proporzione degli ingredienti

Bisogna prestare attenzione all’ordine degli ingredienti: le sostanze sono riportate in ordine decrescente di concentrazione e non in maniera casuale. Gli ingredienti sono indicati a partire dalla sostanza presente in quantità maggiore nel prodotto, a cui seguono tutti gli altri mano a mano che la concentrazione cala. È preferibile quindi scartare un cosmetico che presenta “sostanze da evitare” ai primi posti dell’INCI.

veleno
le sostanze potenzialmente tossiche è meglio se non compaiono nell’inci…o almeno non ai primi posti

il tipo di ingredienti

Gli ingredienti frutto di reazioni o preparazioni industriali sono riportati in inglese, nel caso di  molecole vegetali, esse vengono invece scritte con il loro nome botanico (in latino). Per esempio:

  • Prunus amygdalus dulcis è il nome botanico della mandorla,
  • Prunus amygdalus dulcis oil è l’olio ricavato dalla mandorla,
  • Sodium almondate è invece il sapone sodico di olio di mandorle.
olio di lavanda
un composto di fiori di lavanda vera macerati in olio di oliva, nell’inci compare con il nome: olea europea, lavandula angustifolia

i coloranti e aromi

Nell’INCI possono essere presenti anche alcuni numeri che generalmente identificano i coloranti secondo la nomenclatura propria dell’Indice Internazionale dei Coloranti (Colour Index International), per esempio CI 75470 è il rosso carminio.

Gli ingredienti presenti in concentrazioni inferiori all’1% possono essere elencati in ordine sparso, dopo quelli presenti in concentrazioni superiori all’1%.

coloranti in polvere
anche alcuni coloranti naturali sono inseriti nel Colour Index International: in genere però è riportato anche il loro nome botanico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *